Quando sostituire le vecchie finestre: tutti i campanelli di allarme a cui fare attenzione

Quando sostituire le vecchie finestre

I serramenti, anche quelli di migliore qualità, non durano in eterno. Negli anni, le loro caratteristiche tecniche potrebbero diminuire, causando un aumento dei consumi energetici ed un calo del comfort domestico.

Prima che le vostre finestre diventano del tutto inefficienti, vi consigliamo di sostituirle con modelli di ultima generazione, appartenenti alla classe energetica A+ o superiore.

In questo articolo, scopriremo quali sono i campanelli di allarme che rivelano le inefficienze dei vostri serramenti e alcuni consigli che vi torneranno utili quando dovrete sostituire le vecchie finestre di casa.

Quando sostituire le vecchie finestre

Fate attenzione alla condensa

La condensa è una dei più importanti campanelli di allarme che indicano l’invecchiamento dei serramenti.

Se notate delle goccioline d’acqua sulla superficie interna della vetrocamera, significa che nel serramento si formano dei ponti termici che mettono in comunicazione le temperature interne della casa, con quelle esterne.

Questo fenomeno si presenta quando:

  • Il telaio delle finestre si degrada e le sue prestazioni isolanti diminuiscono;
  • Nel caso in cui il serramento è stato montato in maniera non adeguata;
  • La vetrocamera e danneggiata;
  • La guarnizione è consumata.

Se il problema dovesse risiedere nella guarnizione o nella vetrocamera, vi sarà “sufficiente” sostituire quel componente, altrimenti l’unica soluzione sarà montare una nuova finestra dalle prestazioni termiche elevate.

Vi ricordiamo che la condensa è un problema da non sottovalutare, in quanto porta alla formazione di muffa e potrebbe danneggiare le pareti dell’edificio.

eliminare la condensa dalle finestre pesaro

Presso lo showroom Giannotti di Pesaro troverete un vasto assortimento di infissi in PVC a prova di condensa. Lavoriamo anche a Rimini, Riccione e Tavoleto.

Controllate la bolletta dell’energia

Con il passare del tempo, il telaio dei vostri infissi potrebbe deformarsi e degradarsi, e questo ridurrà l’isolamento termico degli ambienti, portando, di conseguenza, ad un aumento dei costi di climatizzazione.

Ovviamente, le cause di un aumento improvviso delle bollette non è da ricercarsi unicamente nelle finestre, altri motivi sono:

  • Eventuali problemi all’impianto dovuto alla scarsa manutenzione;
  • Cappotto termico danneggiato dall’umidità o dalle vibrazioni sismiche.

Assicuratevi che non vi siano spifferi

La presenza di spifferi è uno dei più importanti campanelli di allarme che rivelano un infisso inadeguato. Se le ante non si chiudono perfettamente, si creeranno delle fessure da cui passeranno correnti d’aria (gli spifferi) molto pericolose per la nostra salute.

In alcuni casi, è possibile risolvere questa problematica applicando delle guarnizioni intorno alle ante. Questa soluzione dovrebbe migliorare l’isolamento degli infissi, ma se gli spifferi dovessero ripresentarsi, non rimarrà altra soluzione se non sostituire le vecchie finestre.

Per ulteriori informazioni, non esitate a contattarci. Lo staff di Giannotti Infissi sarà lieto di rispondere ad ogni vostra domanda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *